Operetta e opera comica: la sua nascita e sviluppo

0
15
Operetta e opera comica: la sua nascita e sviluppo

Operetta
I compositori stranieri che scrivono per el Opera dovevano seguire il modello della grande Opera francese come strettamente compositori locali, ed era obbligatorio presentare tutte le opere in francese.Wagner scrisse Rienzi (1842) per L’Opera di Parigi; tuttavia la sua agitata carriera gli impedì di essere presentato lì. Il compositore deTannhauser fu disposto a tradurre il suo libretto e ad aggiungere un balletto alla premier parigina nel 1861. Ma la posizione non convenzionale di questo balletto nella scena di apertura ha fatto arrabbiare la gente del posto, e presto lo spettacolo è stato ritirato.

Operetta e opera comica: la sua nascita e sviluppo

 

Verdi scrisse o rivisitò diverse composizioni dello stile “Grand” per Parigi, la più notevole delle quali è Don Carlos, la cui premier francese di cinque atti ebbe luogo nel 1867 e di cui una versione italiana di 4 atti fu in seguito realizzata. L’influenza di questo stile nelle opere successive di questi compositori può essere vista nella spettacolare Aida dell’opera Verdi e gli effetti scenici sono stati più complessi di Wagner, come la caduta del castello magico di Klingsor nell’opera Parsifal.

Il termine comic opera ha una traduzione piuttosto complessa. Durante il Settecento e l’inizio dell’Ottocento si riferiva allo stile del lavoro lirico che possedeva scene semplici e dialoghi parlati, originariamente con personaggi comuni e argomenti comici, e che era caratterizzato come “opera leggera”. Tra i compositori di maggior successo di questo stile ci sono Auber con Fra Diavolo intorno al 1830 e Adam con Le postillon De Lonjumeau nel 1836 e Si j’etais roi nel 1852. Altri esempi sono: Zampa de Hérold del 1831, l’éclair De Halévy del 1835 e l’Étoile du nord de Meyerbeer del 1854.

Operetta e opera comica: la sua nascita e sviluppo

Poi, verso la fine del XIX secolo, qualsiasi opera con dialoghi parlati veniva chiamata opera comica, per quanto grave fosse il soggetto, e il termine “luce ” scomparve. È anche la Spagna che zarzuela è apparso. L’Opera-Comique, il cui esempio è Djamileh, era un teatro che eseguiva tali opere. Dopo il 1870, mentre il teatro principale acquisiva una tradizione più chiusa, il Comique stava sempre più presentando opere straniere, nuove opere non convenzionali e da allora, qualsiasi opera presentata lì è stata descritta come opera comica, anche le opere sommere Lakmé o Louise.

Jacques Offenbach fu responsabile della popolarità dell’operetta francese verso la fine del XIX secolo. Ha scritto un totale di 97 opere e un altro pezzo che non poteva finire. Le operette, di solito chiamate con il termine “opera bufa”, erano luminose e satiriche, con dialoghi parlati e molti toni memorabili. La migliore operetta di Offenbach è Orfeo aux enfers una satira del mito classico, dove Euridice e Orfeo non possono capirsi a vicenda. Questo lavoro contiene il famoso tono cancan, conosciuto a milioni di persone che non si sono mai seduti in un teatro. Altre delle opere più conosciute di Offenbach sono: le Belle Hélene nel 1864 e le Vie parigine, intorno al 1866. Altre opere di questo stile sono: le Docteur Miracle e Laopera Djamileh deBizet e Fleur-de-thé De Lecocq.

Operetta e opera comica: la sua nascita e sviluppo

Dopo la morte di Meyerbeer nel 1864, molti compositori continuarono a scrivere opere chiamate “Grand” o più vecchie, per esempio Massenet con Hérodiade nel 1881 e Saint-Saëns con Henri VIII osanson e Delilah. Mentre i nuovi spettacoli al teatro principale erano in declino, lo stile dell’opera comica divenne più serio, quindi la differenza tra i due stili risiede nella semplice presenza o assenza di balletti e recitativi.

La principale amministrazione teatrale divenne sempre più conservatrice e i suoi cantanti furono isolati dai contatti internazionali. Nel frattempo, l’Opera comica divenne più avventurosa e rimase in contatto con le tendenze internazionali, così le composizioni più conosciute del periodo dopo il 1870 come Carmen, I racconti di Hoffmann, Manon, Lakmé, Louise e Pelléas et Mélisande appartengono a questo stile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here